Bach: la rama española

Articolo "Bach: la rama española"
Download/ Descargar
Luca Purchiaroni-Bach la rama española.p
Documento Adobe Acrobat 207.4 KB

In: Cuadernos de investigación musical (Universidad de Castila La Mancha) n. 13, 2021, p. 106-114.

ISSN: 2530-6847

 

¿De dónde viene y a cuándo se remonta el apellido Bach en España? ¿Puede que algún miembro de la familia del gran Johann Sebastian, posiblemente músico, se hubiera afincado de alguna manera en la península ibérica antaño? La presencia de un organista español con este patronímico inequívocamente alemán en la Capilla Musical del convento madrileño de las Descalzas Reales en el siglo XVIII, más el hecho de que en Cataluña, y en particular en la provincia de Gerona, sobrevivan hoy en día muchos Bach, han sido alicientes suficientes para llevar a cabo esta investigación genealógica, que llega nada menos que a la época de los últimos Templarios.

 

Settimo: rubare. Nuovi aspetti agogici nelle toccate di Frescobaldi

Nella Rivista di Analisi e Teoria Musicale n. XXV, 2019/1, LIM edizioni, cod ISBN 9788855430432

Le Toccate di Frescobaldi sono state oggetto di studio e di interpretazione per generazioni di musicologi e di musicisti a livello mondiale, per la chiara fama dell’autore e la grande diffusione che hanno avuto fin dalla loro genesi. Il dibattito sulla corretta interpretazione di queste opere è tuttora vivo ed è testimoniato dall’immensa e variegata discografia esistente, nonché dal crescente numero di convegni internazionali incentrati su alcuni aspetti particolari. Il tipo di notazione usato da Frescobaldi è uno di quegli elementi che fanno ancora discutere, per l’originalità e, al tempo stesso, per l’enigmaticità che lo contraddistinguono. L’agogica è un fattore interpretativo che gioca un ruolo fondamentale nella resa strumentale del pensiero di un compositore come Frescobaldi, il quale non disponeva ancora di mezzi grafici atti a esplicitarla. Ebbene, con l’aiuto delle fonti storiche e di quell’ars retorica di cui si faceva largo uso nel Barocco, questo articolo intende proporre un’ulteriore chiave di lettura per addentrarsi in quel mondo personalissimo del maestro ferrarese e carpirne l’essenza più vera. Una serie di esemplificazioni in notazione moderna, accostate sempre all’originale, tenterà di supportare l’interprete nella decodificazione di un sistema grafico ad oggi, per molti versi, ancora incompreso.

 

 

 

Frescobaldi’s toccatas have been studied and interpreted by generations of musicologists and musicians worldwide, due to their composer’s great popularity and the extensive circulation they have enjoyed from the very beginning. However, their correct performance is still a matter of vivid debate, confirmed by the great variability of extant discography and the ever-growing number of international conferences focussing on certain aspects. The notation used by Frescobaldi is one of the elements that are still a source of discussion due to its originality and, at the same time, the mystery that characterizes it. Agogics, or tempo management, plays a basic role in the instrumental rendering of the ideas of a musician like Frescobaldi, who – at that time – did not have the graphic means to explain them. To sum up, with the support of the sources and the ars retorica so widely used in the baroque era, this article intends to propose an additional key to penetrate Frescobaldi’s very personal world and extract its truest essence. A series of exemplifications in modern notation, next to the original, will try to assist the performer decodify a graphic system that, even today, might create some misunderstandings.

 

Girolamo Zenti and G.B. da Cortona: an unsospected relationship

Articolo sull'ingiustamente poco conosciuto costruttore di clavicembali Girolamo Zenti (Viterbo, 1610 ca. - Parigi, 1666 ca.) pubblicato sul Galpin Society Journal n. LX (2007), p. 63-69.

 

Disponibile su JStore (in inglese) e su academia.edu

 

Nell'articolo viene accertata la sua effettiva nascita a Viterbo e viene rivelata la parentela con l'altro famoso cembalaro Giovan Battista Boni da Cortona, che sposò la zia di Girolamo. Fu grazie a lui, se Zenti apprese il mestiere di cembalaro e ottenne di lavorare per i Barberini a Roma, per poi farsi apprezzare anche presso le corti più importanti d'Europa: Stoccolma (regina Cristina di Svezia), Parigi (re Luigi XIV) e Londra (re Carlo II).

Il mistero dell'organo della Collegiata di Canino

Ricostruzione fotografica dell'organo scomparso negli anni '60
Ricostruzione fotografica dell'organo scomparso negli anni '60

A Canino (provincia di Viterbo) era presente un organo di Camillo Del Chiaro del 1857, misteriosamente sparito negli anni '60 del secolo scorso. Questo articolo cerca di fare luca su questa drammatica sparizione.

Il mistero dell'organo della collegiata di Canino
Articolo pubblicato su "La Loggetta" n. 125 (inverno 2020-21) e su Canino2008 (dic 2020)
Purchiaroni, da Loggetta n. 125 (inverno
Documento Adobe Acrobat 309.1 KB

Il clavicembalo resuscitato

Il castello Orsini di Vasanello (provincia di Viterbo) custodisce un clavicembalo opera di un costruttore anonimo dei primi del 1600, che è stato preso a modello per una fedele ricostruzione da parte del cembalaro Andrea Di Maio.

Il clavicembalo resuscitato
La scoperta di un antico strumento raccontata dai protagonisti del ritrovamento.
Il clavicembalo resuscitato 2009 art.pdf
Documento Adobe Acrobat 3.3 MB